stemma squadra
Home
News
serie D
under 18
under 16
Under 13 blu
S3 - minivolley
Campi di gara
Albo d'Oro
Photogallery
Videogallery
I nostri sponsor
Contatti
Documenti
I nostri riferimenti
Sede legale:
Strada della Lucciola, 35
05035 Narni Scalo (TERNI)
cellulare: 335.216730

Sede operativa:
Pala Gandhi
via dei Garofani, 2
05035 Narni Scalo (TERNI)

e-mail:
info@pallavolonarni.it
info@asdnarnivolley.it
News
Pubblicato il 01/12/2019 da aldo mencarelli
serie D
SCALO 82 NARNI PERDE LA TESTA
In vantaggio per 2-0 su Colleluna, si fa scavalcare e perde per 3-2
immagine SCALO 82 NARNI PERDE LA TESTA

TERNI, 30 novembre – Quarta frazione della gara tra il Colleluna San Giovanni Bosco e la Scalo 82 Narni; il punteggio vede Narni in vantaggio di 2 punti (18-20) quando una palletta del Colleluna scavalca il muro di Narni trovato senza copertura e cade a terra come una foglia ingiallita dal freddo. E’ in quel preciso momento che la Scalo 82 Narni ha perso una partita che aveva in tasca già dai primi due set e avrebbe vinto agevolmente se non fosse che questa squadra è una squadra dal doppio volto, una sorta di Gian Bifronte, il dio romano custode di ogni forma di mutamento e protettore di tutto ciò che concerne una fine e un principio. Ed è proprio Giano Bifronte che ti viene in mente vedendo che da un probabile 18-21 con Colleluna in un momento di grande difficoltà e Narni in ripresa, si è passati ad un 19-20. La “fine“di Narni, appunto. E l’inizio di Colleluna che fa suo agevolmente anche il tie break.

Peccato. Peccato perché nei primi due set la Scalo 82 Narni aveva interpretato nel migliore dei modi questa settima e ultima gara dell’andata. Vincendo abbastanza agevolmente entrambi i set con il punteggio di 21-25 ma soprattutto tenendo in mano il gioco e a debita distanza le avversarie. Pettini, Camilli, Eresia e in particolare le centrali Novelli e Rocchetti giganteggiavano nei confronti degli attacchi micidiali della Brunetti per altro tutti o quasi respinti dal libero Dionisi.

Sembrava fatta. Ed invece è intervenuto il dio romano in questione e gli attacchi della Scalo 82 Narni sono diventati appoggi, le difese si sono sfaldate, le battute sono diventate troppo lunghe o troppo corte e anche l’alzatrice Rossi ha preferito giocare sulle tre attaccati più esperte (ma anche più stanche) tralasciando il gioco al centro. Ne à venuto fuori un terzo set da dimenticare nel quale Narni ha fatto appena 10 punti. Ci sta. E’ la maledizione del terzo set, un set che Narni soffre troppo e spesso, non si capisce se per un peccato di presunzione o per un difetto di forma fisica.

Del quarto abbiamo detto l’essenziale. Va aggiunto che la scalo 82 Narni era partita male ma si è risollevata e aveva messo alle corde le avversarie. Fino a quella palletta, fino a quell’episodio. E il seguito è senza storia: sul 7-2 uno scatto di orgoglio ha fatto sperare al miracolo ma Giano Bifronte ha detto no. La gara, dopo 2 ore e mezza, si è spenta nell’entusiasmo delle ragazze del Colleluna e nel silenzio di Narni. Per Lalleroni e Ferri il compito resta ancora duro. Ma quei due di voglia e di coraggio ne hanno da vendere. L’Asd Narni Volley è vicina alla squadra e agli allenatori e la sostiene sempre, soprattutto nei momenti difficili. 

Nella foto Elena Dionisi in piedi e Celeste Camilli seduta a terra

 

avviso
Il corso di aggiornamento per Allievo e Primo grado secondo livello gioivanile si terrĂ  domica 15 settembre 2019 presso il Centro Federale di Valtopina- Per i Primi Grado [...]